Collezione

La Collezione Civica Il Renatico è una collezione permanente di opere di grafica, di pittura e scultura di maestri del Novecento

Museo

Il Museo di arte contemporanea e del Novecento si trova all'interno della Villa Renatico Martini. Il museo ospita un nucleo permanente di opere della Collezione Civica ed eventi temporanei

Collezione

La Collezione Civica Il Renatico è una collezione permanente di opere di grafica, di pittura e scultura di maestri del Novecento

Progetti

Il Museo di arte contemporanea e del Novecento è parte attiva di numerosi progetti e attività volti a valorizzare la creatività, con particolare attenzione alle fasce giovanili.

Eventi

Il Museo di Arte contemporanea e del Novecento è sede di mostre d'arte contemporanea, conferenze, incontri, laboratori didattici, concerti di musica e teatro all'aperto durante la stagione estiva e molte altre attività e iniziative.

Laboratori

Il Museo organizza laboratori didattici sull’arte contemporanea e sui linguaggi del Novecento, rivolti agli studenti e ai docenti delle scuole e corsi e laboratori rivolti ad un pubblico di adulti

Pubblicazioni

Arena

Nel periodo estivo il parco diventa punto di attrazione per la città trasformandosi in un'arena all'aperto dove vengono svolti spettacoli teatrali e musicali, incontri e proiezioni.

Visite

Orario e aperture straordinarie, biglietti, visite guidate e servizi del Museo: tutte le informazioni utili per organizzare la visita al Mac,n

cerca

Dal 1988 a Villa Renatico Martini a Monsummano Terme vengono presentati al pubblico, grazie alla realizzazione di mostre temporanee, interessanti dipinti, sculture, disegni, incisioni, video, fotografie e istallazioni, create con tecniche e materiali differenti, che hanno permesso, non senza difficoltà, la formazione di una collezione di opere d’arte “Il Renatico”.

In questi anni la raccolta si è costituita grazie alle donazioni degli artisti, o persone a loro legate, invitati alle mostre temporanee, ma anche di collezionisti o semplici amatori che si sono prodigati fino a comporre un importante nucleo, sempre più omogeneo e completo, sia nella scelta delle tematiche che dell’eclettica ricerca del pensiero contemporaneo, che ci permette oggi di rendere godibile e comprensibile questa preziosa raccolta.

Ogni mostra è stata documentata con un ricco catalogo che ne ha evidenziato gli aspetti storici, artisti, ma anche sociali e filosofici, che ha tramandato le informazioni che provenivano da archivi privati, ma anche da memorie storiche orali rilasciate da maestri, alcuni dei quali oggi purtroppo non più presenti.

Ogni successo, piccolo o grande, è stato sempre condiviso e messo a disposizione dei concittadini, degli studiosi, degli studenti, degli appassionati, creando strumenti di autentico approfondimento, in grado di coniugare la piacevolezza estetica con l’indagine critica: il risultato è una raccolta legata a un gusto mai settoriale, volto a cogliere l’essenza di un’opera e le sue capacità di comunicare con le altre.

Tutto questo è stato possibile anche grazie alla sensibilità del direttore del museo, Marco Giori, che ha saputo stabilire importanti sinergie con istituzioni, istituti e studiosi, mettendo a disposizione la sua professionalità senza prevaricazioni, ponendosi come scopo primario il museo e non le esigenze personali del "singolo", molto spesso determinanti nella fase di progettazione.

Le tematiche che si sono avvicendate negli anni sono state numerose, ma sempre mirate al raggiungimento di un fine specifico: quello di fornire gli strumenti didattici per permettere a chiunque di leggere un’opera d’arte al di là della sua forma, struttura o presentazione.

Indagare gli argomenti in tutti i loro aspetti fino a sviscerarne le problematiche è stata una priorità come dimostrano le mostre dei primi anni novanta quando l’arte in Toscana nell’immediato dopoguerra è stata indagata seguendo tutte le correnti delle avanguardie, come per esempio il duro conflitto che stava avvenendo tra arte figurativa e astratta, o ancora il peculiare quanto ricercato interesse rivolto verso la poesia visiva e l’attività artistica di Ketty La Rocca.

La didattica è stata la forza promotrice degli incontri a Villa Renatico Martini sia che fossero rivolti ai ragazzi delle scuole che agli adulti, approfondendo anche gli aspetti tecnici, come è avvenuto con l’incisione che essendo diventata una materia molto nota a Monsummano grazie alla Biennale Internazionale d’Incisione iniziata nel 1999, ma preceduta da mostre sullo stesso argomento organizzate con la collaborazione dell’Accademia di Belle Arti di Firenze sostenta soprattutto dal suo direttore Domenico Viaggiano, ha visto programmare una serie di iniziative atte a offrire al pubblico l’opportunità di creare autonomamente un’acquaforte sotto l’attenta guida di esperti professionisti e docenti.

E’ evidente che lo scopo principale di un museo è quello di conservare e di esporre al pubblico favorendo la diffusione della cultura artistica con una forte valenza educativa e formativa.

Proprio per questo è stato effettuato un serio intervento di ristrutturazione dell’affascinante abitazione privata di Martini che è diventata un “Villa Museo”, caratterizzata dai più moderni criteri di conservazione e sicurezza sia per le opere d’arte che per i visitatori che possono godere del fascino di opere di grandi maestri del Novecento e disporre contemporaneamente di una fornita biblioteca.

Necessariamente questo tipo di trasformazione ha comportato la perdita di quella atmosfera di casa vissuta, ma ha accresciuto la potenzialità di comunicazione delle opere custodite, avvalendosi di una collocazione adeguata, dove possibile per nuclei, di una corretta illuminazione, di panelli esplicativi e di un personale preparato che si occupa della regolare apertura dello spazio perfettamente fruibile sia all’interno che nello splendido parco esterno.

Paola Cassinelli



Artisti della collezione civica "Il Renatico"

Giancarlo AiosaRenato AlessandriniSergio AmatoPietro AnnigoniSergio AquilaGiampiero AvanziniFrancesco AvesaniGabriella BaisFilippo BasettiAlfredo BardazziFlavio BartolozziNadia BenelliVinicio BertiMassimo BiagiBruno BiffiEnrico BiliottiMauro BiniPietro BiondoSilvano BozzoliniAntonio CatelaniFrancesca CatastiniEnrico CattaneoFederico CavalliniFerdinando ChevrierLucien CoutaudFabio CresciGiovanni D’AlessandroAndrea DamiMichele DantiniVitaliano De AngelisConnie DekkerFabio De PoliAlmina Dovati FusiFrançois DupuisAlfredo FabbriPaolo FabianiCesare FantacchiottiEnzo FaraoniPaolo FaviNatale FilanninoAldo FrosiniVito GalfanoAlberto GallinganiGiuseppe GavazziValerio GelliYorgos GiotsasGigi GiovanazziRoberto GiovannelliMario GirolamiGustavo GiuliettiLina GorgoneRoberto Fabrizio GoriRenzo GrazziniMario GuadagninoCarlo GuarientiMarcello GuastiRenato GuttusoCarla HoratChin HsiaoMirando JacomelliKonstantinos KarakostasSwietlan Nicholas KraczynaLando LandiniLuciano LattanziKetty La RoccaCarlo Lo BiondoSilvio LoffredoStefano Lo PrestiMarcello LucarelliGiorgio LuxardoGiannetto MannucciElio...

Museo

Collezione

Visite


Cambia lingua:
english | français

RESTA IN CONTATTO

Museo di Arte Contemporanea e del '900
Villa Renatico Martini
Via Gragnano, 349 - 51015 Monsummano Terme (PT)
Tel. e fax +39 (0)572 952140
museoarte@comune.monsummano-terme.pt.it
facebook.com/macnmuseo
@macnvilla
RSS

@ NEWSLETTER

Iscriviti alla newsletter per ricevere gratuitamente aggiornamenti su eventi e novità del museo.

email

SITI PARTNER

Comune di Monsummano TermeProvinciasmv
smv smv

© Museo di Arte Contemporanea e del Novecento - Comune di Monsummano Terme Piazza IV Novembre 75/h Monsummano Terme (PT) P.I. 00363790478: Privacy - Cookies - Crediti